Il buongiorno del 20 novembre

IMG_5677.JPG
Buongiorno! Ho dormito più di 8 ore, in due puntate, stanotte (mi sono svegliata intorno a mezzanotte e mi sono riaddormentata quasi subito) e il mondo ha preso tutta un’altra luce. Ieri sera ho rinunciato ai Momix e alla compagnia delle mie amiche con dispiacere ma non avevo alternative. Nel tempo ho imparato che quando arrivo al livello di guardia mi devo fermare. Se lo supero perdo il controllo e poi è discesa negli abissi. A volte, anzi sempre, senza motivazioni che possano giustificare cadute verticali così rovinose. Se poi alla stanchezza si aggiunge un qualsiasi malessere fisico, l’allarme è rosso e lo stop immediato deve accompagnarsi, possibilmente, all’isolamento. Poche ore e tutto ritorna come e meglio di prima. Un tempo tiravo fino a boccheggiare. Ora non lo faccio più. A voler essere buoni perché ho maturato consapevolezza. A non volerlo essere, perché ho raggiunto la middle age ed era ora che smettessi di arrivare allo stremo prima di mettermi in ottica recupero, come gli adolescenti.
Aiuta poi il programma di quest’ultimo giorno di lavoro per me prima del week end. In ufficio tutto il giorno dedicato alla formazione e quindi al respiro celebrale. Subito dopo, e prima di tornare a casa, un bel massaggio per riabilitare anche il corpo. E quindi tre lunghi giorni di pausa da dedicare a Marco con una forma adeguata. Perché se c’è una cosa che davvero mal sopporto del non stare bene, è non potermi dedicare a mio figlio con il giusto mood. Per carità ci sta anche che lui mi debba sopportare, qualche volta, stanca e nervosa ma ci tengo molto al limitare al massimo le giornate ‘no‘ di cui ribaltare gli effetti in casa. Perché a pensarci bene, uno dei motivi per cui alla fine mi sono separata è stata la volontà di regalargli una mamma più serena. Infatti al contrario dei molti che pensano che bisognerebbe non separarsi pensando ai figli, io l’ho fatto – come forse mi è già capitato di dire – anche pensando a lui. Perché a mio avviso un rapporto che non c’è più, è logorante ed inaridisce. Al punto da perdere entusiasmo, solarità ed ottimismo. Da viaggiare sempre con le energie razionate e in bilico sul baratro. Qualcosa che ho ritenuto di non meritare io ma nemmeno Marco. E lui né da parte mia, né da parte del padre. Ed è per questo che non posso e non voglio cedere ad altre pressioni. Il lavoro e quanto vi gira intorno o altre quotidiane preoccupazioni, e tornare a casa ordinariamente provata. Può succedere qualche volta, non di più. Perché non reagire puntando al costante benessere, non renderebbe giustizia alle decisioni pesanti e radicali che ho preso.

E alla fine la ricetta non è difficile. Per vivere (bene) la prima cosa è soddisfare i bisogni primari. Mangiare e bere (bene), muoversi e dormire a sufficienza (bene). E poter pensare solo al bene è comunque un gran privilegio. Tenerlo a mente aiuta. Il resto segue.

Buona giornata all’energia ritrovata e ritrovanda.

Il disegno è del caro Roberto Luciano.❤️

22 pensieri riguardo “Il buongiorno del 20 novembre

    1. In realtà non totalmente ma ‘anche’ per mio figlio… 🙂 All’amore ci penso, certo. Ma l’amore non puó essere un obiettivo da raggiungere. Succede. Solo dopo può diventare un progetto. Costruire o ri-costruire se stessi, tornare ad amarsi può servire a farlo succedere. Prima di essere due, è necessario essere uno/a… Buon viaggio e buona giornata! 😘Grazie della musica….

      Liked by 1 persona

  1. Ho letto con trasporto le tue righe, le tue scelte e la tua filosofia di vita.
    Ho provato emozioni inaspettate…. una intima commozione, probabilmente legata a molteplici fattori….
    …. La tua scrittura, che dispiega i tuoi pensieri regalandoci il quarto ‘bene’ della tua ricetta.
    …. Alcune riflessioni che vagano da giorni nella mia testa …. e forse anche le simultanee influenze di un libro che ho iniziato a leggere da poco.
    Buon pomeriggio di forma ritrovata…. 🙂

    p.s. Un tappeto di nuvole bianche oggi copre quasi completamente la vista dell’azzurro. Vento freddo e pochi gradi nell’aria…. ma una piacevole sensazione di aria fresca nei polmoni.

    Liked by 1 persona

      1. E’ un libro di racconti di Alice Munro. Avevo sentito parlare molto bene di questa scrittrice e ho deciso di acquistare uno dei suoi libri. Il titolo è “Uscirne Vivi”.

        Le mie riflessioni si trasformeranno prima o poi in un nuovo post (spero), anche se sono sempre gestazioni lunghe e difficili. Molte cose poi rimangono in testa o appese ai fogli che ho scritto, perché non rilevanti, o semplicemente scritte male, o perchè bloccato da mille remore.
        A volte è difficile anche per me capire cosa succede là dentro… 🙂

        Liked by 1 persona

      2. Sai davvero come fare per portare il buon umore qui dentro, anche in una giornata come questa…. Non sai quanto apprezzi tutto questo…Grazie!!! xxx

        Anticipazioni…. Momento di passaggio, la consapevolezza di percorrere una lunga curva che precede l’inizio di una strada più lineare. Senza destinazione precisa…ma questo non è importante e non spaventa.
        Il post probabilmente non conterrà in modo esplicito i concetti appena enunciati, poiché celati dietro la serie di immagini che popolano il mio subconscio e che materializzo in forma scritta, come uno sfogo, un grido.
        E’ il mio (lungo) percorso di ‘disintossicazione’ .

        Che ne pensi? …

        Liked by 1 persona

      3. Questa non è un’anticipazione, è un teaser… E adesso come si fa? Io sapró pure portare il buon umore ma tu sai come incuriosire le scimmie come me. 🙂
        Perchè la strada che stai percorrendo la vedi curva? Che immagini popolano il tuo subconscio? Disintossicarti da cosa? Sono certa che è tutto più semplice di quanto appaia ma non ho alcuno strumento di decodifica….
        Un aiutino? 😉

        Liked by 1 persona

      4. Avrei bisogno io di un aiutino, ovvero…. di tutta la tua pazienza, della tua capacità di ascolto e di due ore del tuo prezioso tempo (nonché litri di corroborante tè), per sbrogliare la matassa dei tuoi (e miei) interrogativi. 🙂

        Baci (sei)

        Liked by 1 persona

  2. questa bellissima ricetta ….ogni tanto non mi viene tanto bene …a volte si bruciacchia un po’ al forno …. ma levando la parte bruciata ….si puo’ mangiare e quindi che dire ottima ricetta ……baciotti

    Liked by 1 persona

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...