Il buongiorno del 2 ottobre

 Per quasi due anni ho scritto ogni mattina il buongiorno. Poi ho smesso. Per mancanza di tempo, forse, ma soprattutto perché il mio cervello ad un certo punto è stato travolto da altro. Dal nuovo. Si è rimesso in moto ad un livello diverso. E ha avuto, e forse ha ancora, necessità di un periodo di adattamento per ritrovarsi. Stamattina mi sono svegliata in questo albergo di provincia, su una statale che ha cominciato a prendere vita da qualche ora impedendomi di realizzare il desiderio di dormire un po’ di più e, dopo aver letto un po’, tra libri e documenti di lavoro,  mi sono detta che forse meritava condividere anche un momento come questo. 

Ultimamente mi capita più spesso di viaggiare per lavoro ma cerco sempre di fare tutto in giornata. Resto fuori solo per necessità vera e nel caso incastro tutto con il giorno che Marco sta con il padre. Anche perché quella sera a settimana infrasettimanale, due se ci passa pure il we, sono importantissime per recuperare. E ficcarci il lavoro non è una buona idea. Anche se amo questo lavoro. Anzi proprio per questo. 

Nel frattempo qua fuori c’è uno che urla al telefono che è uscito a parlare fuori dalla stanza perché la moglie sta dormendo e non vuole svegliarla. La sua delicatezza è stata colta da tutto il resto dell’albergo.

Stavolta è andata così, ho dormito una notte fuori, ma ho il we tutto per me e già sto pregustando di sistemare la lampada che si è rotta, di finire di stirare 5 cose, le stesse da mesi, che rimangono in fondo al cesto – perché finisce l’acqua del ferro e che ce la rimetti per due cose? – ed è tornata la loro stagione; fare la spesa e rallegrare la dispensa; andare dal parrucchiere che ogni volta che ci salutiamo è come se non ci vedessimo da mesi anzi senza come; se riesco, andare anche dall’estetista, ma figurati se trovo posto di sabato senza aver preso appuntamento; pianificare la settimana entrante; cucinare in anticipo e sistemare anche la posta del lavoro che non so quante mail sono riuscita a non leggere e sono perseguitata dall’ansiogeno warning ‘hai la casella di posta quasi piena’ da almeno due giorni. 

Fortunatamente il lunedì arriva presto. 

La felicità a volte non è nell’inizio ma nella fine. Anzi più spesso. 

17 pensieri riguardo “Il buongiorno del 2 ottobre

  1. Buongiorno Maru…e buona giornata…
    spero che lo sia anche per me…visto che ieri è stata una di quelle giornate dove la felicità prende i connotati del dolore profondo. Avrò bisogno di qualche giorno per assorbire tutto questo…ma ce la farò, perchè devo farcela.

    Liked by 1 persona

      1. Grazie Maru…nel we scappo fuori Roma con un’amica e cercherò di rimettere insieme qualche pezzo…
        E’ una lunga storia…un giorno te la racconterò…grazie ancora.
        Un bacio. Ele

        Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...