Arriva Natale

Mio figlio ieri mi ha detto che il Natale è l’unico momento in cui ha sentito davvero la differenza tra il prima e il dopo la separazione.

Che il primo, passato con me è stato triste ed il secondo, passato con il padre, pure peggio. Insomma, due casi di successo.

Da un lato sono stata felice di sentirgli dire questo perché, se siamo riusciti a rovinargli solo il Natale, siamo stati veramente bravi. Dall’altra vedere il Natale come l’ennesima sfida, alla fine di un anno complicato e faticoso come questo, mi ha scatenato immediatamente l’effetto fuga.

Ed è stato per questo che gli ho proposto qualcosa di dirompente: “Come lo vedi un bel viaggio, solo io e te, da qualche parte?” e lui: “L’hai mai fatto? Sei mai partita a Natale” ed io “No” e lui “Sai perché? Perché il Natale si passa in famiglia!”.

Mi è tornato il mio eco. Quello che gli ho sempre detto fin da piccolo. Una sorta di anatema (“ricordati che…”)

Che dire?

Che spero solo che un giorno tornerà anche tutto il resto che ho seminato nella sua testolina: che, per esempio, ci si deve impegnare per raggiungere gli obiettivi, che le donne vanno rispettate, che la puntualità è un valore ma anche che l’ordine è importante e che la tavoletta del water va abbassata.

Ma anche che il detto secondo il quale i figli sono la parte migliore di noi, a volte, è proprio vero.

p.s. Come avrete notato anche la testata del blog si è tuffata nell’atmosfera delle feste e per questo devo ringraziare il mio fantastico amico Roberto che fortunatamente per me c’è sempre, non soltanto a Natale!

 

5 pensieri riguardo “Arriva Natale

  1. Il Natale è sempre un momento complesso carissima amica,
    anche a me crea un’ansia che si traduce con il desiderio di fuggire…
    Poi però sono sempre rimasta 🙂
    Perché è vero, il Natale si passa in famiglia, nonostante tutto….

    Il disegno di Roberto è magnifico ….
    Adoro la tua nuova testata !!!!

    Un grande bacio,
    Barbara

    Liked by 1 persona

  2. Il ragazzino è fortunato ad avere una madre come te cara Maru…

    Sinceramente molti dei miei ultimi Natali in famiglia sono stati pesanti (a volte somigliavano un po’ a parenti serpenti). Purtroppo, passati i 15/16 anni, le feste “in famiglia” diventano una specie di calderone in cui vengono cucinati i rancori, le frustrazioni e i veleni dell’intero anno.
    Ma quando si è ragazzini il mondo appare sempre migliore… Sarebbe bello riuscire a conservare quell’ingenuità.

    Ciao

    Mi piace

    1. Ciao Michele. Chiedilo a lui se si sente fortunato. L’altra sera è tornato a casa e mi ha detto che con i suo amici hanno stilato la classifica delle mamme peggiori e sono arrivata seconda…:-)
      Per il Natale vedremo: al momento mi sembra molto lontano!
      Baci a presto

      Liked by 1 persona

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...