Il buongiorno dell’11 giugno

Qualche giorno fa’ mi arriva da un amico molto serio una mail con oggetto ‘Importante documento’. La apro distratta mentre sono al telefono. C’è scritto di accedere alla piattaforma dove il documento e stato depositato, inserendo le mie credenziali di google e, come se non conoscessi il pericolo potenziale a cui vado incontro, lo faccio. Non succede nulla. Dell’importante documento nessuna traccia. Rinuncio e solo allora mi risveglio dal torpore intellettivo. Mi rendo conto che non può trattarsi di una mail vera e mi dico, per tranquillizzarmi, che visto che non è successo nulla, se si tratta di un virus è stato bloccato. Non ci penso più. Fino a ieri pomeriggio quando comincio a ricevere mail, messaggi, chiamate da amici e parenti che mi chiedono cosa sia l’importante documento che gli ho mandato. Mi rendo che con quel giochino, qualcuno mi ha trafugato la password della posta elettronica e l’ha utilizzata per pescare altre vittime. E solo allora cambio password.
Elenco di seguito tutte le sensazioni che ho provato:
– vergogna per essermi fatta fregare (conosco perfettamente il meccanismo e ci sono caduta come una polla) ;
– disagio per aver causato ad altre persone, anche se involontariamente, un potenziale danno.
– irritazione 1, perché in questi casi non è chiaro a chi ci si debba rivolgere (Google per esempio non ha neanche una mail per le segnalazioni, o ce l’ha ben nascosta) e ti rendi conto che un errore ti può costare molto oltre a giorni di perdite di tempo per rimettere in sicurezza la tua posizione.
– irritazione 2, per dover tacere (non c’è dubbio che abbiano ragione) rispetto a quanti non perdono l’occasione di farti sentire più cretina di quanto già non ti senta.

Questo solo per dire che la truffa è la forma più ignobile di ruberia. Perché la vittima, oltre a subire un danno reale, viene anche messa nella condizione di sentirsi stupida. E in questo caso anche di aver provocato, con la propria leggerezza, un problema ad altri.
La vittima si vergogna e l’aggressore si sente un gran dritto. E chi sta fuori conferma, spesso, con le proprie reazioni questi ruoli. Perché non c’è dubbio che il furbo abbia maggior fascino di quello che appare essere un coglione (mi si perdoni il turpiloquio!). Per questo il meccanismo non si ferma. Vi ricorda altro? Nulla di nuovo sotto il sole.
Buongiorno e se vi arriva una mail con oggetto ‘Importante documento’ sapete cosa fare. Anzi cosa non fare.

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...