Alessandra e l’interruttore

È stato un inverno impegnativo che mi ha lasciato tanto peso addosso non solo metaforico.

Ero a pranzo con Alessandra qualche giorno fa, sull’orlo della disperazione per l’ennesima assurda situazione in cui mi ero trovata per distrazione dovuta alla stanchezza, e lei mi ha parlato ma più che altro mi ha guardato con una faccia che mi ha detto più di mille parole. Il messaggio è stato chiarissimo: riprenditi tempo ed energie che stai disperdendo e molla chi ti succhia la vita e ti lascia il grasso.

Sono i momenti del clic. Quelli dell’interruttore. Che un secondo prima pensavi di essere morta e il secondo dopo hai una pianificazione puntuale su cosa fare e come invertire la tendenza. Nel giro di una giornata, ho preso appuntamento con una nutrizionista da cui sono già andata, ho lasciato la macchina per andare a lavoro e ovunque altro (in due giorni 30 km), ho pianificato i massaggi residui di un pacchetto che non ero più riuscita a fare e anche il parrucchiere. E soprattutto ho deciso di isolare, da subito, il rumore di fondo per sottrarmi, fisicamente o virtualmente a seconda dei casi, a chi mi ha utilizzato, consapevolmente o meno, come un secchio della spazzatura in cui gettare frustrazioni, pretese, sensi di colpa, fatiche.

Obiettivo ‘senza se e senza ma’, redistribuire gli spazi. Tutti. E abbandonare i pesi inutili e senza futuro. Perché se ho capito una cosa, è che le fatiche non pesano se hai davanti una motivazione, un progetto. Quelle di per sé, quelle incomprensibili, sono inutili sacrifici che non valgono mai la pena. Vanno evitate se siamo lucidi e abbandonate, appena consapevoli, se ci si siamo caduti in mezzo per qualche motivo. Qualsiasi. E le energie recuperate vanno canalizzate, da subito, su obiettivi positivi e visibili per sovrascrivere il nulla.

Serviranno almeno due mesi per vedere i primi risultati ma so che la maggiore difficoltà era quella di prendere consapevolezza profonda e ci sono. Vi consiglio, in momenti di crisi, la (bella) faccia di Alessandra. Se quest’anno arriverò ad una tardiva ma decorosa prova costume e soprattutto con la voglia di andare al mare, lo dovrò ad essa (la faccia intendo!).

2 Replies to “Alessandra e l’interruttore”

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...