Swap Party

Posted by

Ieri dopo quasi due anni ci siamo finalmente riviste per lo Swap Party, l’evento in cui ci trascina Antonella, per scambiarci vestiti di cui ci siamo stancate ma a cui sarebbe un peccato non far fare ancora un giro. Ebbe questa idea una decina di anni fa allargando poi il gruppo iniziale da un manipolo di amiche, alla cinquantina e più di oggi. Ieri eravamo circa quindici, ovviamente con tutte le attenzioni del caso, all’aperto, con Green Pass e niente baci e abbracci. Con diverse siamo colleghe e, come dissi già in altro post, è un po’ come il calcetto dei colleghi maschi. Qualcosa che quando poi ti incontri sul lavoro, c’è un’altra complicità e ti capisci meglio e prima. Che è anche molto più efficace, per trovarsi dalla stessa parte, degli incontri patinati in cui ci si confronta a manetta sugli stessi temi da anni. Passando al leggero, as usual, c’era un tavolo con il cibo ‘alla ognuna porta qualcosa’ da cambio taglia: carboidrati come se piovesse e vini da degustare in crescendo. Che dopo giorni di dieta strettissima, post vacanze, lo sgarro mi è sembrato un paradiso. Lo scambio funziona così: in cerchio, ognuna mostra alle altre i pezzi del guardaroba che ha portato, raccontando il tipo di stoffa, la marca se c’è, ma anche, ed è questa la cosa più divertente, la storia. Chi è interessata se lo prova (ieri c’erano pure pedana per la sfilata e specchio); pure le scarpe che sembra una scena di Cenerentola senza tempo. Le altre commentano e ne attribuiscono anche la destinazione d’uso: si dice questo è perfetto per l’ufficio, una serata ma anche, quando non trova consenso, ‘andare in cantina’. E quest’anno sono stati introdotti, adeguando il mood, ‘per lo smartworking’ e ‘per aprire al corriere’. Vestiti, pantaloni, maglie, cappelli, scarpe, spille improbabili, collane, sciarpe e stole entrano alla festa in una busta ed escono in un’altra, facendo contenta chi se ne è disfatta e chi se la porta via. Che il successo di questa serata è tutto qui: trovare, in allegria e senza giudizio, un contatto concreto tra due punti di vista opposti. Che dovremmo imparare anche ad utilizzarlo anche dopo la festa.

Buongiorno alle swappiste e a tutti voi!

Ieri sera in un messaggio di saluto con Roberto gli ho detto che ero allo Swap e mi ha scritto che non poteva non fare un disegno. E a fine serata è arrivato questo.

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...