La ragazza con l’orecchino di Rocky

Posted by

Sono quasi due anni che lavoro da casa. Due anni fa a febbraio partecipai all’ultimo evento che organizzai in una scuola di Torino con 700 ragazzi, poi un paio di giorni in ufficio e poi a casa chiusa con Marco che doveva fare la maturità. E da allora, almeno io, qua sono rimasta. E nonostante questo stop, in questi due anni è cambiato tutto nel mondo e nella mia vita e anche in quella di Marco. E soprattutto è cambiata proprio la vita. E soprattutto sono cambiate le relazioni.

Riflettevo sul fatto che cI sono persone che erano nella mia esistenza e non ci sono più. E non perché sono morte. E altre che non c’erano, che oggi invece fanno parte della mia quotidianità. Che succedeva anche prima ma la novità è che a queste ultime, in molti casi, non ho mai nemmeno una volta stretto la mano. Che le sento tutti i giorni e che magari ho visto anche in video ma non so se sono alte o basse (grasse o magre si capisce di più 😂). Alcune che riconoscerei incontrandole, solo chiudendo gli occhi e ascoltando la voce. E altre che non vorrei proprio incontrare per paura di rovinare l’incanto.

Abbiamo perso in questo tempo corporeità. Che se da un lato è una perdita importante per i sensi che certo non disdegno, dall’altra ha esaltato il toccarsi l’anima senza filtri e quindi il cogliere bellezza o bruttezza pura senza incarto di pelle, capelli, abiti ed età. E ditemi se non è vero, anche solo parlando di una consegna di un servizio o una fattura. Che se quando torneremo a guardarci negli occhi, ad abbracciarci, a stringerci e toccarci, ci ricorderemo anche di come si fa a cogliere l’invisibile, avremo dato un senso, e mica da poco, a questo periodo complicato. E diciamocelo anche triste, buio e pesante. Che anche cogliendoci del buono, non vediamo l’ora che finisca. Che è per questo che aspettiamo di nuovo (con speranza) primavera.

Buon we!

Il disegno è un regalo di Roberto. Anche lui uno con cui ho passato tante giornate in ufficio e che non vedo da tempo infinito. Anche da prima del Covid però. Uno a cui non è servito un virus per prendere a trasmettere pensieri, sogni e sentimenti anche solo con un tratto di matita. Qui io, la ragazza con l’orecchino di Rocky. Che ci voglio vedere una ragazza senza tempo che l’amore di un cane ha reso più bella. Grazie! ❤️

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...