Il buongiorno del 27 dicembre

Sono passati 4 giorni dal mio ultimo post e sono stati giorni così pieni che mi sembra siano passati mesi. Sono tornata a casa dal mio breve e intenso viaggio in tempo per la vigilia. Mi sono cambiata rapidamente, ho preso l’auto in garage e sono andata a prendere i miei per andare a festeggiare da mio fratello e mia cognata. Siamo stati da loro anche il giorno dopo quando ho avuto con me anche Marco. Un Natale caldo, bello, piacevole. Leggero. Di cappelli da Babbo Natale la sera e di chiacchiere da palestra il giorno. Di conto alla rovescia autogestito per scartare i regali da parte dei piccoli. Di imperversare di novelli campanelli augurali con messaggi di affetto vicini anche se lontani. E a volte lontani anche se vicini. Di addobbi piumati eleganti, di verde, di luce. Di cibo allegro e abbondante. Di sorrisi. Di risate. Un Natale imprevisto. Tante preoccupazioni passate in un bel calice di vino rosso, alzato in occasione di un momento felice. In famiglia. In una famiglia allargata per una volta non da me. In cui io per una volta non accoglievo ma sono stata accolta, come gli altri. Quello di cui avevo inconsapevole bisogno.
Ieri poi, dopo il bagno di folla, sono rimasta da sola a casa, nel silenzio rotto solo dalla TV. Dai film di Natale. Irrinunciabili compagni del Santo Stefano. Quest’anno, non per scelta ma con serena accettazione, da sola e soprattutto senza avanzi. Ho perso a causa di un ritardo senza tempo un appuntamento il pomeriggio e poi in catena gli altri. Ho dormito tanto. Ho recuperato. Stamattina voglio andare a camminare. Poi a fare la spesa. Poi forse ho un impegno. Poi stasera forse pure. Forse no. Due giorni e torna il mio piccolo tzunami a casa. E addio a queste giornate che si srotolano lentamente e senza programmi.
È ora del caffè… Forse.
Buongiorno.

Il villaggio

IMG_5014-1.JPG
Da qualche tempo quando si va in vacanza in una qualsiasi struttura ci si mette nell’ottica del resoconto finale. E dal primo istante in cui ci si mette piede. Eserciti di opinionisti che guardano ad ogni servizio con l’idea di offrire un parere. Che diventa a seconda dei casi uno strumento di minaccia o un premio. Detto che siamo partite con la serenità della vacanza, in cui chiudere un occhio è sempre bene, man mano che siamo andate avanti non vedevamo davvero l’ora di avere per le mani quelle quattro domande. Ma non c’è stato verso. Forse per legittima difesa hanno deciso di non somministrarci (come dicono quelli bravi!) il questionario di (in)soddisfazione.
Stanze tristi dagli armadi pericolanti e i bagni perdenti che è solo mancanza di cura e di gusto, non certo di investimenti.
Animazione che faceva ridere e non certo nel senso di rendere la vacanza piacevole. Spettacoli inquietanti, gite saltate senza preavviso con clienti ad aspettare sotto il sole cocente, gite andate a buon fine che era meglio saltassero. Unico vero successo la baby dance. Soprattutto per l’entusiasmo dei genitori, che pur di mostrare le capacità artistiche dei propri figli, sarebbero capaci di apprezzare anche Erode se si prestasse a farli ballare. Animazione decadente, rappresentativa del pressappochismo, del tirare a campare, dello scarso impegno che si pensa basti e invece non basta affatto. Ma se l’animazione si poteva comunque evitare, lo stesso non si poteva fare con la colazione e con la cena. Non parlo del cibo, senza infamia e senza lode, ma della gestione del ristorante. Fantastico sentire i camerieri discutere animatamente in cucina, sia al mattino che alla sera, e poi vederli uscire con indifferenza in sala inconsapevoli di avere tutti gli occhi addosso.
Meno fantastico dover rispondere in un secondo su cosa preferire bere per colazione o scegliere il menù per la cena, pena il loro innervosirsi come se gli stessimo facendo perdere tempo in una gara non meglio identificata. Meno fantastica ancora la volontà di toglierci da sotto i piatti chiedendoci in continuazione se avessimo finito. Che a dire il vero mi sono sentita un po’ a casa. In quelle occasioni in cui mamme e zie si vogliono sbrigare a risolvere la faccenda della numerosa tavolata portandoti via il piatto a metà.
Certo che quando sono arrivati alla lotteria sui dolci (‘Chi lo prende stasera che non c’è per tutti??!’) e ancor di più sui cucchiaini (‘La colpa non è nostra, la gente se li porta via e sono finiti!’), ci siamo ritirate per loro manifesta superiorità. Non prima di avergli manifestato il nostro disagio. A cui è stato risposto che ‘Non era colpa loro ma solo della gente che volevano fare i furbi’.
Un villaggio senza responsabilità e soprattutto senza responsabile.
Triste icona dei nostri tempi. Una nave senza nocchiero in cui tu hai sempre ragione ma la colpa non è mai di nessuno!
Non ci torneremo ma lo faranno altri inconsapevoli. La bellezza della natura e del paesaggio inebriano e fanno dimenticare il resto. Peccato che non si riesca a mettere a reddito la meravigliosa accoglienza del sud. Quella ce l’hai solo nelle case e nelle famiglie. E pensare che se messa a disposizione del turismo varrebbe tanto di più anche del mare.

ndr: quanti cucchiaini mancano nella foto? 🙂