Il buongiorno del 29 luglio

Ieri sera, aiutata da un ottimo vino biodinamico (la discussione sulla scelta è stata entusiasmante!) che ha accompagnato una cena eccezionale, ho raccontato ad un carissimo amico questi miei ultimi mesi. Un’eternità poco più che bimestrale in cui sono avvenute più cose che negli ultimi dieci anni. Me ne sono resa conto solo dopo averle messe in fila ed aver scoperto, a fine serata, di aver parlato più di tre ore senza soluzione di continuità, con la sola eccezione del tempo necessario alla masticazione della battuta di chianina e del pacchero al tonno. E povero il mio amico che si è trovato investito da un fiume in piena di pensieri, parole, opere e nessuna omissione. Eroicamente mi ha dato un parere sincero su tutto quello che gli ho raccontato. Diretto, in alcuni casi anche un po’ cinico ma sempre con il sorriso sulle labbra. La modalità che preferisco visto che soffro il non verbale più che le parole. Abbiamo anche parlato di vacanze e mi ha detto che quest’anno andrà in Australia (…lo aveva deciso prima della cena!). E mi ha fatto ricordare che da qualche tempo non ho più paura di volare e che voglio tornare a viaggiare. E portare con me il figlio.

Non ho più paura di volare. Sarebbe bastato dire anche solo questo per raccontare dove sono ora. Ma tre ore prima non ce lo avevo così chiaro.

Buongiorno e grazie all’amico ma anche al pacchero e al vino biodinamico. Che non ho capito bene cosa sia ma mi è piaciuto tanto.

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...