Il buongiorno del 28 ottobre

romeStamattina ho un affollamento di pensieri, di emozioni, di sentimenti ad animarmi che scrivo e cancello senza fermarmi. Non riesco a scegliere.

Mi piacerebbe affrontare il tema sulla differenza che c’è tra un capo e un leader. E sul fatto che siamo pieni dei primi ma che avremmo estremo bisogno dei secondi.

Vorrei scrivere della poesia che trovi in un teatro di periferia dove persone, che potresti incontrare sotto casa, ti parlano d’amore con voci ed intonazioni che non ti aspetti. Che illuminate dalle luci di scena sprigionano una magia che ti rapisce e ti incanta. E che, in un istante, ti fa capire davvero cosa voglia dire Barbara con il suo tutto il mondo a teatro (https://tuttoilmondoateatro.wordpress.com/).

Potrei raccontare del mio ritorno di notte attraverso la Roma vuota del primo lunedì di freddo in cui senti che gli altri sono rimasti a casa, quasi tutti, lasciandoti sola a godere quella meraviglia. A ricordare con dolcezza dell’ultima volta che l’hai mostrata con orgoglio a qualcuno che hai amato. E poi agli amori passati e a quello che resta per questa città sempre pronta ad abbracciarti stretta stretta quando ne senti il bisogno.

O anche esternare il mio piccolo cruccio per Marco che vorrebbe restare per il week end di Halloween ma deve partire con il padre. Di me che lo terrei (anche se vorrei riposarmi !) ma che credo non sia giusto interferire. E che finché non sarà arrivato il momento mi chiederò, senza soluzione di continuità, quale sia la cosa più giusta da fare e da dire.

O semplicemente concentrarmi su questo freddo a cui sono arrivata impreparata non per caso ma per rifiuto e che ti dice che è sempre meglio considerare e affrontare piuttosto che far finta di nulla, sperando non succeda.

Tanta roba, come direbbero i miei amici toscani, e nemmeno tutta tra cui non si può scegliere. Stamattina è il fluire che ha preso il sopravvento. Quello che più semplicemente chiamano vita. E che non si acchiappa se non a piccolissimi morsi. Più o meno così.

Fluidissimo buongiorno!

 

Il disegno (bellissimo) è come di consueto di Roberto Luciano.

Il buongiorno del 27 ottobre

In due giorni la stagione è cambiata senza dare a me il tempo cambiare i vestiti nell’armadio. Il fine settimana scorso stavo a maniche corte e questo l’ho passato col piumino e la mantella. E avendo impegnati sia sabato che domenica non ho potuto tirare fuori qualche vestito più adatto al nuovo clima. Con la conseguenza che passerò la settimana a studiare sovrapposizioni di cotone per uscire di casa senza rischiare l’assideramento. Su questo tema esistono diversi tipi di comportamento. Ci sono quelli che il 23 di settembre entra l’autunno e anche se ci sono 40 gradi li vedi girare con gli stivali di camoscio. Quelli pigri che ci mettono due mesi ad allinearsi. Tirano fuori un maglione alla volta e finiscono il cambio a ridosso della primavera. E poi ci sono quelli come me che sono per il cambio a richiesta. Cambiano in un giorno alla bisogna. Ma quel giorno deve essere libero. E se non è così passano quella settimana con la frustrazione di non aver centrato l’obiettivo.
Il cambio di stagione è un momento peraltro che detesto. Perché ne approfitto di solito per pulire a fondo la qualunque. Buttare o regalare, a seconda dello stato, tutto ciò che non è stato movimentato per almeno due anni di seguito. Mettere in ordine ogni dove. Lo detesto perché è faticoso. E perché ti dice che il freddo è arrivato sul serio. E che tra poco sarà veramente Natale. Cosa che, nonostante i panettoni girino nei supermercati da quasi un mese, avevo potuto ignorare finora.
E non c’è dubbio che io preferisca il cambio estivo. Ugualmente faticoso ma con ben altre prospettive. Il caldo. Le vacanze. La libertà che parte da quel vestirsi che ci metti un attimo. Che non devi partire dalle calze per arrivare al cappello e alla sciarpa.
Il cambio di Marco è più facile. Si va direttamente al negozio. Dall’anno scorso ha messo su un numero di centimetri e di chili incompatibili con qualsiasi indumento precedente. E quest’anno sceglie lui. Io sono diventata out. E su questo ha perfettamente ragione non ho mai seguito molto il fashion. Non per spocchia ma per distrazione. E non vedo l’ora che anche la mia presenza (e il mio bancomat!) diventino out… Ma credo che per questo dovrò aspettare ancora parecchio.
Per finire la domanda vera è, ‘Ma oggi che mi metto?’… Spero nell’ispirazione da caffè. Vado.
Buongiorno freddino….

Il buongiorno dell’8 ottobre

Mi sono svegliata perché sentivo freddo. Dormo ancora con una coperta di cotone e ho capito, stanotte, che non è più sufficiente. Il caldo sta finendo. Senza, peraltro, esserci mai stato seriamente nei mesi che solitamente lo ospitano. E questo, da sempre, è il periodo dell’anno che amo di meno. Per l’accorciarsi delle giornate. Per la temperatura che scende. Per l’inizio della folle corsa, sul lavoro e fuori, verso le feste natalizie. Per quel buio che via via sarà illuminato a giorno (artificiale) oltre che dalle stanziali luci dei lampioni, delle luminarie ma anche dai fari delle auto ammassati dal traffico nelle strade. Che mi mette tristezza. Da sempre. Perché rende ancor più netto il contrasto tra chi è felice e chi non lo è. Una tristezza provata indipendentemente dallo stato d’animo iniziale. Per capirci, provata anche quando tra i felici ci sono stata/sono anch’io.
Quando ero più giovane non vedevo l’ora che la brutta stagione finisse e si arrivasse prima possibile a marzo, mese della rinascita. Da qualche anno no, non più. Non si butta via nulla. Ho imparato a ritagliare, ad apprezzare le sfumature, a cogliere gli spunti. Anche del freddo. Anche del nero. Ed è per questo che accanto al tepore primaverile ho cominciato ad annoverare tra i miei momenti preferiti, quelle che chiamo le giornate rubate. Quelle giornate autunnali o invernali, che nascono con un sole che non ti aspetti. Che ti sorprendono e ti riempiono il cuore. Che ti ritrovi all’ora di pranzo, quando capita, a sorridere per quello che giudichi un vero regalo. Quelle che ammorbidiscono quella insopportabile, almeno per me, sensazione di freddo.
È ancora buio e non so come sarà il tempo oggi. Quello che so per certo, invece, è che per una mia cara amica sarà certamente un successo.
Buongiorno di felicità (ritagliata)!