Il buongiorno del 22 novembre

La stanchezza che colleziono nello spendermi, senza riserve, nella quotidianità mi ha sempre giocato brutti scherzi. Man mano che scorrono i giorni, abbasso le difese, mi deprimo, distribuisco importanza alle cose in modo randomico e non reale. Ovviamente nel frattempo il mondo si muove e sulla strada di tutti i giorni, che faccio in automatico, prendo in pieno un muro che non avevo visto costruire. E vado a fondo. Un fondo orizzontale, pero’, che mi consente di sdraiarmi e riposare un po’, lasciare i pesi accumulati e subito dopo darmi una leggerissima spinta con i piedi per tornare in superficie e riprendere a nuotare con vigore. Dimenticando, ogni volta, il buio. Speravo con il tempo di imparare a dominare e organizzare questa energia, come peraltro a vestirmi da signora ed indossare le perle. Mi sa che per questa vita non ce la farò. Vediamo nella prossima. Buongiorno pensando che, grazie al cielo, siamo arrivati al venerdì….

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...