Il buongiorno del 14 ottobre

Ci sono giorni molto più faticosi di altri. Sono quelli che io chiamo del 99mo cancello.
C’è una storiella che racconta di Pierino in prigione che per evadere deve scavalcare 100 cancelli e giunto al 99mo dice al compagno di avventura ‘Sono troppo stanco, torno indietro!’. Fa ridere ma nemmeno tanto. Perché a pensarci bene, ognuno di noi conosce questo tipo di stanchezza. Che offusca l’obiettivo, guardato da lontano e poi vicino, e rischia non solo di fartelo bucare ma di metterti in condizioni ben peggiori se decidi di tornare indietro invece che di andare avanti. Stanchezza ma non solo. Stanchezza ma anche e soprattutto paura che tutto quello che hai affrontato per arrivare fin là non valeva la pena e che dopo quell’ultimo ostacolo tu possa trovare una situazione che ti porti a dire che alla fine era meglio restare dove eri. Quello che ho pensato stamattina appena sveglia, dopo essermi addormentata con questo pensiero e aver dormito male tutta la notte, è che per iniziare un percorso ci vuole coraggio e passione, per portarsi avanti fatica e determinazione. Ma che per terminarlo ad un metro dalla linea di arrivo, non ci vuole niente. Proprio niente ci vuole rispetto a quello che abbiamo già fatto. Basta solo evitare di inciampare. Ma ad un metro, dovesse pure succedere, ci si riesce a trascinare anche a braccia. È per questo che la storiella fa ridere.

Arrivati alla quasi fine non ci vuole nulla. È oggettivamente così. Anche se non sembra. E al di là c’è sicuramente qualcosa di meglio. Se non altro, noi stessi. Con una consapevolezza in più: 100 cancelli superati. E una storia da raccontare.
Buongiorno al sapore di 100mo cancello!

8 pensieri riguardo “Il buongiorno del 14 ottobre

  1. Sono in piedi dalle cinque, dopo una notte non proprio riposante, con la sensazione, a tratti la certezza, di essere al quel 99simo cancello..e mentre sorseggiavo l’ennesimo caffè, sbirciavo sul telefono in attesa del tuo buongiorno, arrivato un pò più tardi, ma preciso e penetrante come sempre! Non so perché accade, ma alcuni incontri non sono per caso e, anche se a distanza , fanno bene al cuore… Buongiorno a te ❤

    Mi piace

    1. Rifletto spesso sui miei comportamenti quando non sono cuore della tempesta perché è l’unico metodo che conosco in grado di farmi suonare l’allarme quando sono sbatacchiata dalle onde. Questo non vuol dire che poi io riesca a superare l’impasse ma la vocina si attiva ed è già qualcosa… Grazie del complimento. Buonanotte cara!

      Mi piace

  2. Il mio mantra ormai è “mai un passo indietro”… quando la stanchezza o lo scoramento ci assale bisogna avere la forza di fermarsi, pensare, chiedere aiuto, ricordarsi dell’obiettivo, recuperare fiducia e ripartire. Fossero pure 1000 i cancelli il viaggio vale sempre la pena e ad ogni tappa si scopre o riscopre qualcosa o qualcuno …. buona traversata 🙂

    Liked by 2 people

    1. Ale, d’accordo l’entusiasmo, la passione e la determinazione ma non ce la posso fare ad arrivare a 1.000…. 🙂 Uno ancora sì. Uno ne vale la pena. Poi vorrei godermi la vista. Anche i guerrieri hanno bisogno di riposarsi.
      Per il resto mi piace molto quando dici che bisogna chiedere aiuto. Io non ne ero molto capace. Ora ho imparato e va nettamente meglio. Buonanotte amica!

      Mi piace

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...