Bilanci di fine anno

Ieri riprendendo le fila dell’anno passato con un amico che vedo ormai solo a Natale, ho più o meno fatto un riassunto di tutti gli accadimenti del 2018 dividendoli, nel tentativo di mettere in ordine, tra belli e brutti. E ne è venuto fuori, a dispetto di un mood attuale non proprio positivo, un bilancio di tutto rispetto. Ripercorrendo i 12 mesi, tra le cose belle e brutte insieme c’è sicuramente Marco. Di fronte a me c’è un figlio che è cresciuto, maturato e che è anche riuscito a barcamenarsi meglio tra la scuola, lo sport che ama e gli altri mille interessi, ma anche un adolescente continua a sfidarmi con costanza, mettendo a dura prova la mia pazienza e la mia capacità relazionale. Non facile. Lato cose belle, metto senza dubbio il lavoro che, nonostante una fatica spesso legata a termini non sostanziali, mi ha dato la soddisfazione di risultati concreti che ho raccolto, soprattutto, nei sorrisi delle persone. Lato solo brutte, ci sono tutte le presenze non risolte e al momento inalienabili che mi stanno vicino e che anche quest’anno, mi hanno fatto soffrire e appesantito troppi giorni. Punto questo forse più negativo fra tutti ma fortunatamente contrappesato da famiglia e amici straordinari che mi hanno consentito di osservare i fatti, in molte circostanze, più con pena che con rabbia. E poi c’è stata tanta vita e un grande investimento su me stessa per riuscire a viverla meglio possibile; come l’incontro con la mindfulness, i tanti momenti di relax singoli o comunitari, lo scrivere, il leggere e l’imprescindibile salvifico cazzeggio.

La salute quest’anno, per la prima volta, ha vacillato non poco ma con tutte patologie superabili. Che anche questa, dopo aver temuto il peggio, va bene così.

Insomma alla fine davvero non male. Provateci anche voi se non ne avete avuto già occasione di tirare le somme. Può essere utile per non farvi ingannare dalla malinconia della fine dell’anno. E soprattutto per prepararvi a buttare via le cose giuste il 31 dicembre a mezzanotte.

Il buongiorno del 5 ottobre

Mi sono svegliata alle 4, troppo presto per alzarmi se voglio arrivare viva alla fine della giornata ma non c’è verso di riprendere sonno. In questo periodo il fine settimana non mi basta per recuperare la settimana lavorativa. Non riesco in due giorni a spegnere completamente il cervello. il da farsi è talmente tanto che anche quando faccio cose divertenti e rilassanti la mia testa fugge al dovere. Casa, famiglia, lavoro. Ogni ambito ha la sua lista che si ripopola senza soluzione di continuità ogni volta che mi sembra di essere giunta a buon punto. Effetto Penelope. Con la differenza che non sono io a disfare quanto prodotto e non aspetto nessuno. Sono semplicemente vittima di fenomeni paranormali. In casa si sta ribellando ogni cosa, dall’elettricità all’acqua, alla porta. Mio figlio è stato sicuramente rapito dagli extraterrestri che in cambio me ne hanno lasciato un altro a cui non sta bene nulla: dalla sua stanza, all’alimentazione, ai tempi di studio e di relax, con una propensione al dibattito che neanche nei migliori anni ’70. Per arrivare al lavoro in cui mi capita, invece, più o meno la stessa cosa di quando entro dal parrucchiere  sicura di necessitare di una semplice messa in piega e invece mi convincono che sono indispensabili un trattamento alla keratina, un nuovo colore, mèches, shatush e acconciatura da cerimonia.

Nonostante ciò, sta iniziando un’altra settimana ed è comunque, sempre, senza alcun dubbio una gran bella notizia. 

Mai dimenticarlo. 

Il buongiorno dell’11 novembre

ConfidenzeVent’anni fa quando iniziai a lavorare in Azienda mi spedirono a Napoli per un training on the job e mi assegnarono un tutor teutonico, tutto d’un pezzo, competente e rigoroso ma anche molto caloroso e affettuoso a cui mi affezionai subito. Affezione ricambiata al punto che abbiamo continuato a vederci e sentirci nel tempo anche dopo questo primo aggancio lavorativo. Fino addirittura ad invitarci reciprocamente ai nostri matrimoni. Il suo ancora in piedi. In questo tempo il contatto non sempre è stato costante. La distanza non la fanno i km ma la vita. Sono passati anche anni senza una telefonata. Ma non abbiamo mai perso le svolte. Positive e negative. I matrimoni appunto, la nascita dei figli, la mia separazione o il suo trasferimento a Firenze, dove ha portato tutta la famiglia. Quella stessa Firenze dove pure io, guarda un po’, ho passato qualche anno proprio dopo l’esperienza napoletana. E ogni volta è stata una festa ritrovare quella base comune, quei valori inalterati, quell’inquietudine per le stesse cose. Da persone di carattere ci sono stati, a volte, anche momenti di confronto duro e serrato. Ma poi ha sempre prevalso l’affetto. E stamattina mentre scrivo il mio buongiorno mi dorme accanto. O meglio sonnecchia lamentandosi di non aver dormito per l’eccessivo calore del mio amato piumone prima e poi per i rumori della città non filtrati dalla finestra aperta per ovviare al caldo. Ha una riunione, oggi, proprio nell’edificio dove lavoro e abbiamo deciso per la rimpatriata. Ieri sera abbiamo cenato e poi ha insistito, nonostante avessi già preparato il mio letto da Marco, perché dormissimo insieme per parlare più a lungo possibile. Che difficilmente ci sarebbe capitata presto un’altra occasione. E non si può negare che il letto sia sempre un luogo magico dove le confidenze, le chiacchiere e le risate raggiungono una dimensione più intima e profonda che solo con poche persone è possibile concedersi. Soprattutto se non si hanno più vent’anni. Ed è stato davvero bello ritrovarsi ancora una volta e sfruttare ogni minuto per recuperare la pausa.
Dopo questo passaggio chissà quanto tempo passerà di nuovo prima di vederci. Ma non importa.
Persone come Antonella non te le perdi. Ritorni tu. Ritornano loro. Il tempo è solo un piccolo dettaglio.

Buongiorno alle amicizie che non si perdono. Che fanno dei giri immensi e poi ritornano. Come certi amori (cit.) 😃

 

Disegno dell’amico Roberto Luciano.

Il buongiorno del 30 ottobre

tag.jpg

Da qualche giorno stavo pensando che quella mia ‘me’ vista da Roberto, sola e tirata sulla testata del sito, non mi rappresentava più a pieno. Indomita, così aveva chiamato Roberto quel ritratto, era sempre lei ma era cambiata dal momento in cui, con il suo tratto sincero, l’aveva immortalata. Ho accennato la cosa a Roberto, e dire accennato è anche troppo, e ancora una volta è riuscito a stupirmi.

“Cara Maru, questo che ti allego non è il fregio del Partenone (come potrebbe sembrare) bensì un tentativo di realizzare quanto dicevamo oggi. Il disegno rappresenta Indomita che pensa a quelli che sono i tag più importanti in ordine di dimensioni: Figlio, Amore, Amici, Felicità e Tempo. Fammi sapere se ti piace. Roby”

È un’Indomita più serena (e anche più carina!) che svela i suoi pensieri più ricorrenti. Ed è incredibile come anche dal conteggio delle parole chiave, evidenziate in ciascuno dei miei post, ciò che è davvero importante per me, e di conseguenza ciò a cui penso e di cui scrivo, appaia così chiaro e lampante. E come Roberto abbia colto il nuovo con il cuore e il sempre così attingendo a dati oggettivi. Il mio nuovo stato d’animo e le cose che metto al primo posto.

Quanto alle priorità credo che anche queste siano state poste nell’ordine giusto. A parte, forse, una. Forse scambierei l’Amore con gli Amici. Ma di fatto, nella mia accezione, non c’è neanche tanta differenza fra l’uno e gli altri. Come non c’è tra Amici e Famiglia.

Sono molto felice della mia nuova testata. Forse anche perché sono tanto felice di essere arrivata a quel viso più rilassato che, l’amichevole ma impietosa mano di Roberto, non avrebbe mai rappresentato se non l’avesse percepito come vero. E sono anche anche tanto contenta che Roberto si sia autoritratto tra gli Amici. Perché anche questa è pura verità.

Buongiorno al Figlio, all’Amore, agli Amici, alla Felicità e al Tempo. Quello, quest’ultimo, che fa freddo e che fa caldo, che non c’è mai per fare tutto, che non bisogna mai perdere.

Il buongiorno del 25 settembre

Il mercoledì Marco sta con il padre. Ed io ho la serata libera. E in quella serata ci infilo, o meglio cerco di infilarci, tutto quello che vorrei ma non posso gli altri giorni. E quindi il teatro, il cinema, la camminata, l’uscita… A volte il niente. Perché anche questo gli altri giorni è impossibile.
Questo è uno dei pochi vantaggi della separazione. Hai dei momenti tuoi. Hai del tempo tuo, solo tuo. A dire la verità ne avevo anche durante il matrimonio ma era diverso. Qui non torno e devo recuperare. C’è chi è convinto che se si sta bene in famiglia non ne hai bisogno. Sarò strana io ma di spazi miei, solo miei, ho sempre avuto bisogno. Perché ho sempre pensato e sostenuto che prima di essere noi si è io. E se quell’io si abnega o non si cura non può contribuire degnamente a quel noi.
E quel noi da valorizzare vale anche per me e mio figlio.
Ho visto tante madri tristi, per una storia finita o anche in piedi ma infelice, abbarbicarsi alla vita dei figli per dare un senso alla propria. E quei figli soccombere ad un senso di colpa immotivato ad ogni moto di felicità.
La cultura del nostro paese di mamme senza identità, senza desideri, di Madonne di cartone intoccabili e perfette ha fatto danni incommensurabili. Ha creato mostri e ha finito talvolta per sfasciare proprio quella famiglia tanto cara.
Per Marco non sarà così. Questa è l’unica cosa di cui sono certa. Lui ha una mamma imperfetta, che non sa cucinare, di solito allegra, a volte triste ma che lo vuole felice sul serio. Perché la sua mamma pensa che la felicità sia davvero importante. Ne è prova che non ha mai smesso di investirci. Quando è con lui ma anche quando lui non c’è.
Felice buongiorno!

Il buongiorno del 4 giugno

Pare che anche in Italia avremo il divorzio veloce. Potremo mettere cioè la parola fine ai matrimoni falliti a 6 mesi dalla separazione.
Sinceramente non riesco proprio a capire la difficoltà di far passare una legge che, prendendo atto della brevità della vita, ridimensioni i tempi con cui un matrimonio, comunque finito, debba continuare burocraticamente ad esistere.
Di solito in questo campo si dice che l’Italia risenta della vicinanza del Vaticano. Ma come al solito senza una profondità del sentire. Non ce n’è uno, infatti, di quelli che in questi anni si sono sbattuti per la famiglia che non sia al secondo matrimonio. Gente, peraltro, che sarebbe capace di affermare di credere talmente tanto nella famiglia che una non poteva bastargli.
E non capisco nemmeno chi pensa che accorciare i tempi possa rendere più leggere le decisioni. Anche qui, probabilmente parla chi, fortunato o solo superficiale, non sa cosa voglia dire passare per un fallimento. E soprattutto non conosce il dolore che lo accompagna. E soprattutto che quei 6 mesi, nella maggior parte dei casi, vanno aggiunti ad anni di faticosi
tentativi di ricomposizione.
E, infine, non capisco nemmeno chi si oppone perché pensa che il tema sia quello di offrire la consumistica possibilità di convolare a nuove nozze più velocemente. Affermo con certezza che questo, nella realtà, riguardi davvero una nicchia. Quella protagonista dei rotocalchi che formano così elevate opinioni. Gli altri ci penseranno bene comunque. Garantito.
Veloce buongiorno!

Il buongiorno del 14 dicembre

Stamattina vado a raggiungere mio figlio che sta con il padre ad Arezzo per una gara. Resterò con loro fino a domenica. Perché, come si dice, i matrimoni finiscono ma, separati o meno, si è genitori per sempre e per un figlio, separati o meno, quella si chiama famiglia. E nei momenti importanti, per quanto possibile, la famiglia si presenta al completo. Sono stata io a negargli il calcio per cui sarebbero bastati, al massimo, 90 minuti a settimana di famiglia al completo. La scelta è ricaduta, allora, su uno sport che prevede giornate intere, e a volte più giornate, da passare fuori. Una sorta di sequestro di persona. Questo per rispondere a quanti pensano che il mio ex ed io siamo bravi quando, invece, siamo solo entrambi vittime della sindrome di Stoccolma. Buongiorno a quanti capiscono cosa voglio dire e anche a tutti gli altri!