Il buongiorno del 14 dicembre

Stamattina vado a raggiungere mio figlio che sta con il padre ad Arezzo per una gara. Resterò con loro fino a domenica. Perché, come si dice, i matrimoni finiscono ma, separati o meno, si è genitori per sempre e per un figlio, separati o meno, quella si chiama famiglia. E nei momenti importanti, per quanto possibile, la famiglia si presenta al completo. Sono stata io a negargli il calcio per cui sarebbero bastati, al massimo, 90 minuti a settimana di famiglia al completo. La scelta è ricaduta, allora, su uno sport che prevede giornate intere, e a volte più giornate, da passare fuori. Una sorta di sequestro di persona. Questo per rispondere a quanti pensano che il mio ex ed io siamo bravi quando, invece, siamo solo entrambi vittime della sindrome di Stoccolma. Buongiorno a quanti capiscono cosa voglio dire e anche a tutti gli altri!

Annunci

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...