Il buongiorno del 5 febbraio

Gli eventi traumatici della vita o ti uccidono o finiscono per renderti più forte e consapevole. La mia separazione, per esempio, ha attraversato i miei giorni come uno tzunami ma oggi a quasi due anni data è solo uno spartiacque. Quello che mi consente di distinguere tra un prima e un dopo. Tra una prima vita e una seconda. E di guardare a questa mia second life con un’attenzione che non ho avuto nella precedente. Nel mio caso la frattura del divenire è stata decisa. Ad altri succede. Nel mio caso più di qualcuno mi ha detto che sono una donna coraggiosa ad aver rinunciato al sicuro per l’insicuro in un’età in cui di solito si pensa all’arrivo della maturità e a godersi le sicurezze, non certo a ricominciare. Ci ho pensato e, detto che non mi sento ancora sulla via del tramonto (!), credo in tutta sincerità che ci voglia più coraggio a restare dove non ci piace più stare che ad andare via. Che ognuno proietti sugli altri il proprio mondo e che mi dispiace, in questo senso, che ci sia chi alla mia età pensi a che l’unica alternativa possibile sia tirare i remi in barca. Al contrario considero un vero regalo questa seconda chance anche perché non è detto ne seguirà, nel caso, una terza. Me la coccolo. Me la costruisco giorno dopo giorno. Decidendo, ove possibile, cosa voglio ci sia e cosa no. Chi voglio dentro e chi no. Con un cinismo che non pensavo mi appartenesse. Contro nessuno. Solo per me. E di conseguenza per Marco.
Mentre scrivo fuori diluvia. Fuori. Fuori tuoni, lampi, scrosci di pioggia. Li sento. E come sempre mi prende una sensazione di incomprensibile timore che combatto riacciuffando la certezza, che sembra ogni volta vacillare, che sono al sicuro e che lo è anche mio figlio. Esattamente come nel quotidiano. Paure da ricondurre e certezze da spolverare. Sorrido. E mi sento felice. Ce la posso fare.

Buongiorno… Oggi il sole fuori stenterà, accendiamo quelli dentro.

8 pensieri riguardo “Il buongiorno del 5 febbraio

  1. Buongiorno Maru!
    Come mi piacciono le persone decise, che non vivono a metà. Se le cose hanno dovuto prendere una certa piega, sai di quelle toste da stirare, perché ostinarsi? Meglio cambiare tessuto e cercare di non prenderne più nemmeno di simili.
    Leggo la tua decisa serenità e mi fa molto piacere.
    Diluvia anche qui, nella “Padania” e per fortuna. Aspettavamo acqua o neve da un bel po’
    Un sorriso per la giornata, tipo sole dentro insomma. 🙂
    Primula

    Liked by 1 persona

    1. Cercare di non prenderne più di simili… Ottimo consiglio! Prossima volta tessuto ‘no stiro’ che dici. Buona giornata Primula a te e alla primavera che sempre in te alberga! Pioggia e neve particolari senza importanza! Bacio e buona giornata!😘

      Liked by 1 persona

  2. Le tue parole potrebbero essere le mie! Anche io, nell’autunno 2011, ho scelto di separarmi e di iniziare una nuova vita. Lasciando tanta sicurezza (anche economica), ma anche una profonda infelicità. Tutti mi chiedevano, anzi, erano convinti, che avessi un altro (è la cosa più facile da pensare, no? Sembra inconcepibile che uno si separi con un figlio piccolo e solo incertezza davanti) e invece io volevo solo essere una donna soddisfatta della mia vita e delle mie scelte, una mamma serena (e lo sono stata da subito), e come te non mi sentivo affatto al capolinea 😉
    Ricominciare tutto da capo è stato faticoso ma bellissimo, l’auto stima alle stelle e questa seconda parte della mia vita è davvero la più meravigliosa che potessi avere! Peccato non averla cominciata prima. 😊😄 un abbraccio e buona giornata!😘

    Liked by 2 people

  3. Bellissimo post amica cara,
    e buongiorno a chi sceglie di rimanere con consapevolezza, e a chi, come te , con altrettanta consapevolezza lascia tutto e segue la “sua” strada, perchè la vita è breve, troppo, e va vissuta pienamente con tutte le sue meravigliose incertezze odierne che,passo dopo passo , diverranno le certezze di ogni domani possibile…
    ti abbraccio con affetto,
    baci
    Barbara

    Liked by 1 persona

Che ne dici?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...